Share

FORMAZIONE OBBLIGATORIA

Sul sito del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti è stato pubblicato il Decreto Dirigenziale n. 215 del 12/12/2016 (testo allegato) che regolamenta la Formazione sul corretto utilizzo del cronotachigrafo (analogico e Digitale).

Il Decreto emanato chiarisce le modalità di adempimento dell’obbligo per le Imprese di istruzione dei conducenti e di controllo sull’attività degli stessi di cui al regolamento (UE) n. 165/2014 , articolo 33, commi 1 e 3, e in particolare in relazione agli obblighi previsti dal regolamento (CE) 561/2006, articolo 10, commi 1 e 2.

Ricordiamo quindi che si tratta di Formazione OBBLIGATORIA  che tutti i Conducenti di Imprese di Autotrasporto (Merci e Persone – Conto Terzi e Conto Proprio) che utilizzano veicoli dotati di Cronotachigrafo devono frequentare.

Cercando un aspetto positivo per le Imprese (?) è che, con gli attestati di frequenza dei propri conducenti, le aziende possono dimostrare che non vi è corresponsabilità con i conducenti per le infrazioni commesse dagli stessi per il mancato rispetto della normativa sui tempi di guida e di riposo e sul funzionamento del Cronotachigrafo.

Al momento tuttavia, senza una modifica al Codice della strada,  rimane l’obbligo per le Aziende di ricorrere ai Giudici di Pace in caso di sanzioni comminate all’Autista e quindi anche all’Azienda, mostrando gli attestati di frequenza alla formazione.

Il Decreto Dirigformazione (1)enziale stabilisce che i Corsi di formazione:

devono avere durata almeno di 8 ore,

– definisce i requisiti dei docenti

– definisce gli Enti di Formazione abilitati ad effettuare tali corsi o le Aziende di autotrasporto che possono svolgerli in proprio (quelle che hanno almeno 35 conducenti assunti a tempo indeterminato);

modalità con cui comunicare alle motorizzazioni provinciale i tempi dell’avvio e svolgimento dei corsi;

– le modalità con le quali saranno rilasciati ai partecipanti attestati

– le modalità con cui le Motorizzazioni possono controllare il corretto svolgimento dei corsi.

Al termine del Corso all’autista verrà rilasciato un attestato individuale di partecipazione al Corso, unitamente ad un documento scritto (“mansionario”) in cui le imprese stesse forniscono al conducente adeguate istruzioni circa le norme di comportamento cui egli dovrà attenersi nella guida, ai fini del rispetto della normativa sociale europea sui tempi di guida e di riposo e sul corretto funzionamento del tachigrafo.

L’attestato di formazione vale 5 anni dalla data della sua emissione.

Il documento dell’Impresa ha validità di 1 anno a partire dalla firma del conducente che lo ha ricevuto ed ha valore unicamente per l’impresa che lo ha redatto e consegnato all’autista.

Nel testo del decreto non si fa riferimento ai corsi svolti prima dell’emanazione del Decreto.

Dal Dipartimento dei Trasporti sarebbe emerso che, essendoci un vuoto normativo e non essendo prevista nessuna procedura sanatoria del pregresso, i corsi e gli attestati rilasciati in passato sono validi.

Attendiamo maggiori certezze per confermare quanto qui accennato.